lunedì 14 giugno 2010

UNA TIPICA DOMENICA

Domenica mattina.

Nonostante sia in teoria festa, mi sveglio alle 6, per abitudine.
Mi rigiro nelle lenzuola, tentando di riprender sonno, ma non c'è verso.

Allora, dopo aver fatto scendere il cane che mi schiaccia le palle, mi alzo, ed arrancando mi avvio verso la cucina per prepararmi il caffè.
Con la macchinetta sul fuoco, apro le persiane e noto una giornata, "metereologicamente parlando", ingrata.

Pazienza, prendiamo quello che arriva.
In compenso noto dalla finestra che dà sulle spiagge che i bagnini stanno preparandosi, posizionando sdraio ed ombrelloni in spiaggia, all'assalto dei bagnanti.

Il caffè sale borbottando, ed io lo faccio scendere nella tazza, bello fumante.
Anche troppo, così son "costretto" ad annaffiarlo con un poco di grappa, per gratificare le papille gustative e salvare la gola da un'ustione.

Accendo la tv, rigorosamente su LA7.
Ascolto le poche notizie con distrazione, tra l'altro vedo male, e dopo un poco spengo.
Perchè cominciare anche la domenica sapendo che il nanerottolo ha salvato qualche vita e risolto qualche disastro?

Esco per andare a prendere il giornale.

Al cancello la prima "sorpresa".

Un'auto, parcheggiata alla membro di segugio (scrivere alla cazzo di cane mi sembrerebbe troppo volgare) occupa con il posteriore il cancello di uscita per un buon terzo.

Essendo io in motorino, non mi crea problemi, però se avessi dovuto uscire con l'auto per un'urgenza, avrei avuto grossi problemi.

Mentre vado in centro, incontro un amico vigile che sta andando al comando per iniziare il suo turno di rottura di palle.

Gli dico dell'auto, e lui mi spiega che è inutile chiamarli, perchè se non intralcia il traffico stradale, non possono farci niente, al massimo una multa, ma di carro atrezzi non se ne parla proprio.

Ma allora che cazzo pago a fare io il cartello "lasciare libero il passaggio" al comune?
Boh? misteri del codice della strada.

Mi avvio verso l'edicola, facendo slalom tra rincoglioniti giovani in cerca di una colazione dopo l'ennesima notte/mattinata in discoteca.

Mezzi della nettezza urbana che cercano di spostare i bidoni dell'immondizia rinchiusi tra le auto percheggiate alla "membro di segugio", costretti a lasciare il camion in mezzo alla strada durante il trasferimento dei rifiuti sullo stesso,
contribuendo così ad intasare l'unica strada della città.

Ciclisti con canne da pesca di traverso e pinne sul manubrio che sbattendosene del codice stradale vanno allegramente contromano ingombrando come se fossero carri armati Leopard, bestemmiandoti dietro se li fanculizzi giustamente (questo però solo se sono in tre o quattro, altrimenti fanno finta di non aver sentito).

Nonne con i nipotini sul passeggino che ti sbucano improvvisamente tra due auto, sporgendo timidamente la testa guardandosi a destra e sinistra da buone cittadine, dimenticando che nel frattempo il nipote sul passeggino da loro spinto ha invaso la strada e potrebbe già essere in francia attaccato alla targa di qualche pulmann tedesco.

Palestrati che fanno footing con l'auricolare in mezzo alla strada perchè il marciapiede è facoltativo.

Signorine che parlano al telefonino gridando come aquile con il cagnolino al guinzaglio, di quei guinzagli con il cordino regolabile chilometrico, così loro sono sul marciapiede di destra ed il cane su quello di sinistra, e poi si lamentano se glielo arrotano.

Insomma, il mio umore, anche aiutato dal tempo sempre più "ballerino", si avvia inesorabilmente al tempestoso.

Torno a casa, e noto che sul parabrezza dell'auto parcheggiata davanti al cancello, c'è un biglietto (prima non l'avevo notato perchè dalla mia direzione di marcia vedevo solo il lunotto posteriore).
Curioso, lo prendo e lo leggo.

Sul biglietto c'è scritto:

"scusate per l'ignobile parcheggio, ma dovendo andare a lavorare ed essendo in ritardo, ho dovuto mettere l'auto proprio quì."

e segue un numero di cellulare.

Mi segno il cellulare e straccio il biglietto, per evitare che chiunque possa leggere il numero.
Salgo in casa e telefono.
Mi risponde una signora col fiatone, che si riscusa appena gli dico chi sono e perchè gli telefono.
La tranquillizzo e la perdono, in fondo è una che lavora, però gli consiglio il motorino o l'autobus, per la stagione.
Mi conferma che di solito usa il motorino, ma è dal meccanico.
Gli dico di memorizzarsi il mio numero, e se dovesse capitare un'altra volta il problema, chiamarmi, che magari, se non ci sono i capi, gli faccio portare sù la macchina.

Stop.

L'umore si risolleva perchè noto che ci sono ancora persone che hanno un minimo di senso civico.
Telefono ai vigili, chiedo del mio amico incontrato in precedenza, e l'avviso di lasciar perdere l'eventuale multa.

Però dura poco, il risollevamento.

Mi ero dimenticato che mia moglie deve uscire con la macchina per portare la piccola al campeggio in montagna!

Porca maremma su quattro ruote, e adesso?

Poi mi viene in mente che la peugeottina è in strada, quindi non ho problemi con l'auto pargheggiata alla membro di segugio davanti al cancello.

Meno male, come facevo adesso ad avvisare la gentil donzella che doveva spostarmi la macchina?

Mia moglie sparisce con la piccola verso il piemonte, la grande è uscita stamattina presto perchè ha una partita non so dove, ed io rimango solo.

Allora esco di nuovo per andarmi a prendere un poco di pane ed un paio di birre.

Comincia a piovere, ma ho il parabrezza e questo non mi ferma.

Arrivo davanti al supermercato, noto una folla da stadio davanti alle casse.
Piovendo, molti, invece che in spiaggia, sono a fare spesa.
Pazienza, ho tempo, fuori continua a piovere, faccio quattro chiacchere con la gente che conosco.

Prendo il pane e le birre e mi avvio verso l'unica cassa in funzione.
(è incredibile! da noi più gente c'è in coda, meno casse sono in funzione!)

E te pareva se non c'era il "furbetto"!

La cassa è posizionata in mezzo a due file di prodotti, e io sono in coda con altri.
Lo spazio è abbondante, quindi oltre alla fila in attesa, c'è la possibilità di rifornirsi di prodotti.

Il "furbetto" passa noncurante davanti a tutti "fissando" i prodotti sugli scaffali di sinistra, si ferma un paio di metri prima della cassa, prende dallo scaffale qualcosa, e si inserisce tra due persone, saltando praticamente tutta la fila!

Qualcuno brontola, vedendo la scena, ma nessuno interviene!
Heeeee nò, cazzo!

Esco dalla fila, lo raggiungo, lo prendo per un braccio, lo trascino dietro a tutti, e gli faccio notare che le file vanno rispettate.

Si incazza come un ministro al quale han pagato l'alloggio a sua insaputa, mi apostrofa con vari epiteti, e mi dice di aspettarlo fuori se ho il coraggio!
(però rimane al suo posto nella fila, anche perchè altri lo fissano irritati)

Non gli dico niente, non reagisco, mi limito a guardarlo negli occhi, e torno al mio posto.

Arriva il mio turno, pago al cassiere che ride perchè ha visto la scena e si complimenta per il mio intervento, esco e "aspetto"!

"aspetto", "aspetto", "aspetto".....

Ma dovè finito sto "rambo"?

Allora rientro per vedere se si è perso, e il cassiere, con le lacrime agli occhi dal ridere, mi dice che quando è arrivato il suo turno, vedendomi "aspettare" fuori, si è improvvisamente "ricordato" di essersi "scordato" qualche prodotto, e adesso è in "attesa" nascosto dietro ai detersivi.

Allora allungo il collo, lo "scorgo" improvvisamente interessato alla composizione chimica del Dash che lava così bianco che più bianco non si può, lo saluto con la mano sinistra a pugno chiuso, ad eccezzione del medio, e me ne torno a casa.

Che gente smemorata, ma interessata alla chimica, che c'è in giro.
Mah!

Passo il pomeriggio a sonnecchiare davanti alla tv, col cane che scatta ad abbaiare ad ogni ambulanza che passa e mi desta per un paio di minuti, quattro o cinque volte.
(tutte le domeniche le ambulanze trotterellano dalla mattina alla sere!
che sfigati, sti bagnanti...)

Di mia moglie si sono perse le tracce,
della grande le tracce non le ho mai viste,
resto solo anche a cena,
in fondo una tranquilla domenica di tempo perso.

Quasi quasi vado a bagnare l'orto per passare un poco di "festa".
Non posso, piove!
Eccheccazzo, ma tutte a me capitano?

Pazientiamo ancora un poco, tra non molto c'è la partita:
germania-australia.
Non che me ne freghi qualche cosa, ma tanto, per passare il tempo, tutto fà brodo.
(il calcio è uno sport povero!
in fondo hanno una palla ogni 22 giocatori.
meglio le bocce, perlomeno ogni giocatore ha giustamente due palle.
uno sport sicuramente più "maschio"!)

Comincia la partita, ed io "NON" la vedo!

Perchè?

Semplice!

A causa della mia ubicazione geografica, mi è impossibile mettere il terrestre, non "vedendo" nessun ripetitore, ed allora ho solo la parabola con sky.
(avevo fatto domanda per installare un'antenna di 25 metri d'altezza, ma non è passata perchè sembra dia fastidio al decollo dell'aereo del ministro al quale pagano, sempre a sua insaputa, oltre che gli alloggi, anche gli aerei)

La rai "cripta" il segnale.
Risultato, tutti quelli come me che hanno solo la parabola, ed il digitale terrestre è ancora da venire, se lo menano!
Quindi non vedrò neppure la nazionale?
Aspetto che qualche "solerte" funzionario della rai venga a chiedermi il canone.
Lo metto in mezzo ai detersivi assieme al "furbetto-rambo-smemorato" a studiare chimica applicata ai calci nel culo!

Meno male che domani è lunedì, così torno al lavoro e mi riposo dalle fatiche di una giornata di festa.

21 commenti:

  1. HA HA HA HA HA HA HA HA HA HA HA HA HA HA
    Post meraviglioso... la giornata, parrebbe, un po' meno.
    Alla fine tua moglie è tornata o è scappata alla Thelma e Louise con la tipa del parcheggio alla membro di segugio?
    Anche qui, in Carnia, domenica di tutta... rottura.
    L'unica botta di vita, verso le 22, al rientro dalla cena quando abbiamo scoperto che NESSUNO aveva le chiavi di casa.
    E, stranamente, l'avevamo chiusa per bene prima di uscire...

    Insomma... per fortuna è lunedì.



    E comunque il più ..***.. statista europeo ieri ha fatto faville!

    RispondiElimina
  2. macciao, Kaishe!

    macchè Thelma e Louise!

    mi è ritornatat a casa, maremma coniugale....

    spero che scappi, con la figlia, quando la và a riprendere.

    voi, invece?
    l'avete scassinata?

    RispondiElimina
  3. mandi,mandrillo
    l'ho sempre detto sei un incompreso
    leggendoti a tratti mi e' parso di leggere
    Charles Bukowski.....e senza tradfuzione dall'americano
    comp0limenti.....ciao dal profondo sud-sardegna ai lati di baiachia

    RispondiElimina
  4. Ciao Maurone
    Quello che succede a te in una giornata,
    qui succede ogni minuto,
    perciò contentati...c'è chi sta peggio...io.

    Il 26 sto a Firenze, il 27 è sempre confermato?
    Sai quanti ne saremo...più o meno?
    Un abbraccio

    RispondiElimina
  5. Angelo, mio caro "piccolo" amico" isolano!
    spero che, non essendoci il nano, tu possa giustamente goderti la tua splendida isola!

    Aldone!!!!!!!!!!
    per il 27 confemato!
    ci "emailliamo" qualche giorno prima.
    per te che arriverai sicuramente in treno, verremo a prenderti alla stazione.

    RispondiElimina
  6. MAUROOOO...va a vjodi^ di ke altre bande...

    RispondiElimina
  7. Daniela che è un messaggio cifrato ?
    Poi da vicino Maurone me lo spiegherà...spero.

    RispondiElimina
  8. OGNI TUO POST, HO NOTATO, DERIVA DALL'OSSERVAZIONE QUOTIDIANA DEL MONDO CHE TI CIRCONDA E SEMBRA UN PEZZO DELLA COMMEDIA DELL'ARTE. LEGGERTI E' UNA VERA GODURIA, DIVERTIMENTO ALLO STATO PURO. C'E' UNA SOLA PERSONA CHE TI BATTE E, GUARDA CASO, SI CHIAMA MARCO TRAVAGLIO! CONTINUA COSI'!

    RispondiElimina
  9. @Aldone:
    significa semplicemente
    và a vedere dall'altra parte!
    solo che è scritto in friulano.

    @Luigi:
    grazie del complimento, amico mio!
    in effetti, chiamando il mio spazio virtuale nel mondo internet "blogghetto degli appunti", cerco di "sfornare" come fosse un diario.
    spero solo che il buon Marco non se la prenda, per averlo avvicinato in maniera così pericolosa ad una mezza calzetta come mè....

    RispondiElimina
  10. heheheheheheheh!

    troppo buono....

    RispondiElimina
  11. Ciao,caro Mauro.Concordo con Angelo e Luigi Morsello.Io non leggo Bukowski però leggo Travaglio.Tu hai il dono di saper raccontare le cose,anche quelle più semplici,in un modo così interessante e divertente che non è da tutti.Complimenti! La scena del "rambo" che studia la composizione chimica del dash è la più divertente.Chissà quante te ne succedono tutti i giorni,potresti raccogliere tutto in un diario e scrivere un libro di racconti in futuro.Che ne dici? Per quanto riguarda la rimpatriata siamo a meno 11,io conto i giorni perché non vedo l'ora di conoscervi! Un saluto a tutti

    RispondiElimina
  12. Aurora!

    ma allora ogni tanto "torni"!

    per il "diario" ci penserò, chissà che non riesca a fare un poco di soldini e con questi pagare una rata del mutuo in "orario"!

    per la rimpatriata sai che il postoi sulla "peugeottina" c'è.

    RispondiElimina
  13. QUASI QUASI PUBBLICO IL TUO POST NEL MIO BLOG POSSO?

    RispondiElimina
  14. @luigi!

    sarebbe per me un onore!

    non puoi!
    devi!

    RispondiElimina
  15. NON RIESCO A COPIARLO, MI PUOI MANDARE IL FILE?

    RispondiElimina
  16. forse è troppo lungo, superando i 4096 caratteri!

    prova con il copia/incolla ma a pezzi!

    poi lo incolli su di un nuovo tuo post!

    dovrebbe funzionare.

    ti mandi comunque una email con il listato!

    RispondiElimina
  17. Lieta di conoscere l'autore del post che ho letto da Luigi. Mi sono molto divertita. Complimenti.

    RispondiElimina
  18. @serenella:

    lieto di poter divertire.
    sono semplicemente "riporti" di vitaccia quotidiana.

    allora te ne passo un'altra, di "avventura", che se ti và di leggere, spero possa farti divertire ancora:

    http://pomo1965.blogspot.com/2010/04/il-mobile-immobile.html

    ciao!

    RispondiElimina
  19. Maurone mi aspettavo già un tuo commento.
    Ancora stanco del viaggio ?

    RispondiElimina
  20. stò preparando il nuovo post, proprio sulla rimpatriata.
    ma no ce la farò fino a domani.

    ciao, fratellone!

    RispondiElimina